Home  >>>  Faq  >>> 

Legale e Contenzioso

QUALI AZIENDE SONO TENUTE AL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO SAN.ARTI.?
Le imprese che applicano i seguenti CCNL dell’artigianato:
  • CCNL dell’Area Meccanica, Installazione d’impianti, Orafi, Argentieri ed affini, Odontotecnici;
  • CCNL dell’Area Chimica – Ceramica;
  • CCNL dell’Area Legno – Lapidei;
  • CCNL Alimentare e della Panificazione;
  • CCNL Acconciatura, Estetica, Tricologia non curativa, Tatuaggio, Piercing e Centri Benessere;
  • CCNL dell’Area Comunicazione;
  • CCNL dell’Area Tessile – Moda;
  • CCNL dell'Area delle Pulizie;
IL CONTRIBUTO E’ OBBLIGATORO?
La mancata contribuzione al Fondo SAN.ARTI., determina l’obbligo per il datore di lavoro di erogare un importo forfetario, che dovrà essere chiaramente indicato in busta paga sotto la voce “Elemento Aggiuntivo della Retribuzione”, pari a 25 euro lordi mensili per tredici mensilità, cosi come previsto dagli articoli “Diritto alle prestazioni della bilateralità” ed “Assistenza Sanitaria Integrativa” dei CCNL di cui all’art.7 del regolamento del Fondo.
Le prestazioni erogate da SAN.ARTI. costituiscono inoltre un diritto soggettivo di matrice contrattuale dei lavoratori e pertanto l’azienda che ometta il versamento della contribuzione al Fondo è altresì responsabile verso i lavoratori non iscritti della perdita delle relative prestazioni sanitarie, fatto salvo il risarcimento del maggior danno subito.